Dopo tante peripezie l’esercizio di Fincantieri nel 2016 è riuscito a chiudere in utile a 15 milioni di euro dopo che nel 2015 era stato chiuso in perdita di 292 milioni.

Il Consiglio di Amministrazione ha approvato proprio oggi il bilancio consolidato e il progetto per il bilancio d’esercizio 2016.

E’ positivo anche il risultato di pertinenza del gruppo che si è assestato a 35 milioni dopo che nel 2015 aveva fatto registrare un negativo per 185 milioni.
I ricavi aumentano del 6,1% arrivando a 4,6 miliardi e l’EBITDA arriva a 277 milioni.

La maggior parte degli indebitamenti sono relativi al finanziamento di attività correnti che servono per la costruzione di navi da crociera.

A tal proposito l’Amministratore Delegato di Fincantieri Giuseppe Bono ha dichiarato quanto segue:

“I traguardi raggiunti superano i target previsti per l’anno e ci consentono di confermare gli obiettivi di medio termine e la distribuzione di dividendi a partire dall’utile 2017”.